sabato 30 gennaio 2010

Sete e cotoni Ikat

La città di Pochampally, nell'Andhra Pradesh, produce delle sete rinomate, con fantasie geometriche e sobrie ed abbinamenti di colore equilibrati.

La tessitura tipica è l'Ikat, in cui il filo viene tinto in maniera discontinua in base ad un disegno tracciato su carta, in maniera tale che poi il disegno desiderato emerga tessendo, senza richiedere una stampa successiva sulla stoffa, o uso di più fili colorati.

Nella procedura ikat la precisione di allineamento delle parti tinte di ciascun filo non è totale, anche perchè gli strumenti sono rudimentali; si hanno così dei disegni con i bordi un po' imprecisi, che fanno parte della bellezza di questa antica arte.

Anche il cotone si può lavorare nella stessa maniera.

Un bel tour dei sari Ikat, con possibilità di acquisto, si può fare sul sito del "consorzio dei tessitori di Pochampally".

Anche il vicino stato dell'Orissa produce sari ikat, su sete tessute a mano pesanti e dall'effetto metallico - molto pregiate.
L'ikat dell'Orissa si trova anche in cotone.

Foto di questo post da SariMagic.com

2 commenti:

  1. Excellent article. Thanks to share.

    RispondiElimina
  2. You speak with so many factors, so much essence, even though I become aware that you have clearly hit the nail on the head. Well done! I will directly grab your rss feed to stay abreast of any updates. authentic work and much success in your business efforts! Salwar kameez

    RispondiElimina